Il primo lungo viaggio GRECO (intro)

Voglio introdurre con alcune considerazioni generali i diari relativi al viaggio che io e mio marito abbiamo fatto in Grecia tra maggio e giugno 2022.

Era da tanto che desideravo mettere piede in terra greca. Quest’anno, per una serie di motivi, abbiamo deciso di “rimanere in zona” e così a fine marzo ho acquistato solo il volo di sola andata da Bergamo su Santorini con Ryanair per il giorno mercoledì 25 maggio 2022.

Avevo in mente una serie di tappe che desideravo fare nelle Cicladi e, guardando i traghetti ,mi ero fatta un’idea di quello che sarebbe potuto essere il “giro perfetto”. Vi lascio il link che ho utilizzato per tutti gli spostamenti interni tramite traghetti https://www.ferryhopper.com/it/. Ho scaricato la APP e vi assicuro che è comodissima anche per monitorare lo stato del traghetto. Questo sito mi è stato molto utile in fase di “studio” per capire come muovermi e, in base ai trasferimenti diretti, come “ordinare” le isole da vedere.

Quest’anno per scegliere le isole sono andata un po’ “alla vecchia” utilizzando le amicizie e conoscenze. Ringrazio quindi Sandra (amica di Micky) che è la persona in assoluto a cui ho rotto più le scatole nella fase di pianificazione. E’ soprattutto grazie a lei che ho inserito Folegandros all’interno del viaggio. Ringrazio anche Eleonora, Manny, Micky e Stefano, Elena, Monica e Giorgia. Termino ringraziando Meri che ha il merito di avermi fatto inserire l’escursione di una giornata a Meteora!

Ho acquistato la guida Lonely Planet “Le Isole della Grecia” 15° edizione (del 12 maggio 2022). Sinceramente pochissimi spunti interessanti, sia per le Isole che Atene. Tornando indietro non la riprenderei.

Per una serie di motivi personali abbiamo avuto la certezza di poter partire letteralmente all’ultimo minuto. Ho così preparato la valigia in modo un po’ confuso ipotizzando una permanenza di 3 settimane (soprattutto per i farmaci che quotidianamente devo prendere). Ho prenotato l’hotel a Santorini, nostra prima tappa, poche ora prima del volo!

Prima di partire avevo in testa questo itinerario: Santorini 2 giorni, Folegandros 3 giorni, Milos 4 giorni e poi da valutare o un’altra isola (Paros o Mykonos o Naxos) o Atene o il rientro a casa. Abbiamo definito il viaggio man mano e alla fine è stato uno splendido lungo viaggio di quasi 3 settimane riuscendo a fare tutto quello che desideravo.

Abbiamo visitato ben 5 Isole (Santorini, Folegandros, Milos, Paros e Antiparos) completamente diverse, ma accomunate da alcune cose: bandiera greca onnipresente, chiese con cupola turchese, bianco predominante, mulini a vento, alici marinate squisite, clima piacevolissimo.

Quale isola ci è piaciuta di più? Per il mare assolutamente Paros. Sia io che Leo amiamo le spiagge di sabbia chiara e tra Paros e Antiparos ne abbiamo trovate molte. Il borgo che ci ha emozionato di più è stata senza ombra di dubbio la Chora di Folegandros. L’unica isola che ci ha un po’ deluso è stata Milos dove ci aspettavamo di più dalle spiagge. Mentre la Plaka, la città storica di Milos, ci è piaciuta moltissimo. Santorini è indescrivibile!

In generale il viaggio ci è piaciuto moltissimo: completo relax, panorami mozzafiato, piccoli borghi che sembrano delle cartoline, mare cristallino anche se un po’ freddo, cibo sano e buonissimo, popolazione accogliente e molto ospitale.

In tutte le isole, tranne Santorini, abbiamo optato per il noleggio di una scooter fidandoci delle indicazioni della struttura dove alloggiavamo. Credo sia stata una scelta azzeccata (ve lo racconterò nei diari specifici). Mio marito Leo, da buon motociclista, ha sempre preferito lo scooter al quad.

Viaggiare nelle Cicladi nel mese di maggio (quindi in bassa stagione) ha dei pro e dei contro. Pro: poca gente, giornate molto lunghe e prezzi più bassi, possibilità di pianificare e prenotare all’ultimo, pochissime code nei ristoranti. Contro: non tutti i servizi sono disponibili e non tutte le attività aperte.

Nonostante la bassa stagione Santorini l’abbiamo trovata piena di gente. I locali ci hanno detto che nel mese di maggio di quest’anno hanno avuto le presenze che normalmente ci sono nel mese di agosto. L’isola era infatti piena di americani e inglesi! Nelle altre isole abbiamo trovato una situazione diversa: Folegandros decisamente vuota, Milos abbastanza vuota, Paros un pochino più di gente.

Come ho scelto gli alloggi?

Le prenotazioni le ho fatte quasi tutte tramite Booking.com a parte Folegandros dove ho contattato direttamente la struttura consigliatami da Sandra.

Santorini: volevo una sistemazione a Oia o a Fira, con vista caldera in prima fila. Eravamo disposti a pagare circa 150 euro a notte.

Folegandros: mi sono affidata al consiglio di Sandra e abbiamo alloggiato a due passi dalla Plaka.

Milos: ho deciso di dormire vicino a una bella spiaggia come Paleochori e quindi lontano dai borghi dell’isola.

Paros: ho scelto Naoussa e una struttura appena fuori la zona pedonale.

Atene: volevo qualcosa in zona Plaka e con vista sul Partenone. Prenotando all’ultimo, con un po’ di fatica, l’ho trovata.

Teli mare. In tutte le strutture erano in dotazione a parte a Folegandros che erano utilizzabili solo in piscina. In un viaggio così lungo, questo servizio è veramente importante.

Clima. E’ piacevolissimo: caldo ma mai umido, sempre arieggiato e la sera serve la manica lunga! Quanto a zanzare/mosquitos ero convinta di non trovarne e non abbiamo portato il repellente, vi consiglio di portarlo.

Cibo. Ho fatto la dieta di yogurt greco e miele, dakos, insalata greca, alici marinate, crema di fave, calamari, polpo e ovviamente cipolle, capperi e olive.

Facciamo un po’ di “Spetteguless“.

Quando avete visitato le Cicladi, vi siete chiesti come mai ci siano così tante chiese? Sono stupende, fotogeniche e tantissime… Io l’ho chiesto un po’ in giro e credo che la risposta più realistica sia quella che in alcune zone non autorizzano a costruire case se non come “dependence” di una chiesa… Avete altre spiegazioni?

Matrimoni in Grecia. A quanto pare, anche oltreoceano, va di moda sposarsi in Grecia. Durante il nostro viaggio abbiamo assistito a parecchi banchetti nuziali o pre nuziali di coppie non greche, la maggior parte delle quali erano americane!

Asini come mezzo di trasporto? A Santorini sono utilizzati per trasportare i turisti a Folegandros dagli abitanti.

In Grecia per pranzare/cenare non ci sono orari. Si pranza tranquillamente anche alle 4 del pomeriggio e si cena alle 11 e mezza di sera.

Nei posti dove abbiamo mangiato (lo specifico perché non voglio generalizzare) l’acqua gassata l’abbiamo trovata a prezzi folli (7-10 Euro a bottiglietta da 50 ml). Le birre usualmente vengono servite in bottiglie da 500 ml! Il caffè greco non è particolarmente piaciuto a nessuno dei due, perché per noi sa un po’ di “freschino”. Mentre ci è piaciuto molto sia l’espresso freddo che il cappuccino freddo.

Questione mance.: a Santorini la richiedevano, nelle altre isole no.

Ora seguitemi perchè inizia il Viaggio!!!

A breve troverete a questi link i miei diari:

  • Grecia Parte 1 Santorini
  • Grecia Parte 2 Folegandros
  • Grecia Parte 3 Milos
  • Grecia Parte 4 Paros e Antiparos
  • Grecia Parte 5 Atene

Pubblicato da seca75

Un viaggio inizia molti mesi prima di partire, esattamente quando, tra le varie opzioni, mi convinco che QUELLA sarà la mia prossima meta e me ne innamoro così intensamente da ritenere che sarà la più bella. Difficilmente un viaggio mi delude, quasi sempre invece mi fa provare emozioni inaspettate! Il più bel viaggio, è quello che non è stato ancora fatto. Loick Peyron

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: