MALDIVE: RITORNO IN PARADISO!

Dopo quasi 10 anni eccoci di nuovo in viaggio verso il caldo “fuori stagione”: Maldive novembre 2022!

Dopo la pandemia, siamo finalmente tornati a viaggiare fuori dall’Europa, optando per un’isoletta delle Maldive.

Alle Maldive c’eravamo già stati a giugno 2019 nell’Atollo di Ari Sud ad Athuruga.

Questa volta il viaggio è stato praticamente scelto da Leo, mio marito. Io ho provato a stuzzicarlo con alternative (safari+mare in Kenya oppure Islanda) ma non c’è stato verso di fargli cambiare idea. Voleva andare alle Maldive e così è stato…e vi dirò che è stata proprio la vacanza di cui avevamo bisogno: relax, nuotate, spiagge spettacolari e snorkeling molto divertente!

Sfruttando un buono regalo ricevuto da Leo presso Inperoso Tours (Crispano – NA) ho iniziato in collaborazione con la referente dell’agenzia Rossella la selezione dell’isola. Inizialmente la nostra scelta è caduta su Alpiblu Sandies Bathala, ma purtroppo avendo avuto la conferma dei giorni sotto data era già tutto occupato. Così abbiamo valutato il Nova Maldives (Atollo di Ari Sud), ma poi seguendo il consiglio di Catia, una ragazza conosciuta nel 2019 ad Athuruga e che ringrazio di cuore, abbiamo prenotato al Seaclub Dhiggiri (struttura gestita da Francorosso).

Ringrazio Rossella, per la disponibilità e “presenza” sia prima che durante il viaggio (Imuga check-in…e non solo).

Come abbiamo scelto l’isola? Sfruttando le conoscenze e utilizzando il sito Mondo Maldive. La selezione l’abbiamo fatta sulla base di alcuni parametri: fascia di prezzo, resort (no villaggio), isola piccola, barriera corallina attorno, gestione italiana, animazione soft. Ritengo sia importante avere le idee ben chiare sulle aspettative di viaggio, perché partire informati evita eventuali delusioni. Le Maldive possono offrire vacanze molto diverse. Ci sono isole adatte a coppie, altre a famiglie con bambini, isole con animazione da villaggio e isole quasi senza animazione, resort di super lusso e isole molto semplici, isole con barriera corallina attorno e isole che non ce l’hanno, isole con parecchia spiaggia e isole rimaste quasi senza…

E’ importante sapere esattamente cosa ci si aspetta dal viaggio!

Devo dire che siamo rientrati molto contenti e soddisfatti. L’isola ci è piaciuta molto, a parte i muretti antierosione che a me visivamente davano parecchio fastidio. Abbiamo avuto una fortuna pazzesca perché il tempo è stato strepitoso. Abbiamo goduto del clima migliore in un periodo a forte rischio piogge. E abbiamo visto una marea di pesci!

Siamo partiti da Milano Malpensa con un volo diretto Neos. Da Malè ci siamo spostati con una barca veloce per una navigazione di circa 70 minuti. Le operazioni di ritiro bagagli, attesa della barca e trasferimento all’isola, sono state molto lente facendoci perdere più di 3 ore. Alle 14 (ora locale +5 dall’Italia e +1 da Malè) eravamo a pranzo con i piedi nella sabbia!

Qualche considerazione in merito alla struttura, servizi e isola in generale.

Al Seaclub Dhiggiri abbiamo soggiornato in overwater bungalow con la formula all inclusive. La nostra stanza (la numero 34) BELLISSSSSIMA! Spaziosa, luminosa, con una vista pazzesca e con un letto comodissimo. Abbiamo dormito divinamente e svegliarsi ammirando l’alba con il rumore del mare non ha prezzo!

Inoltre abbiamo apprezzato tantissimo il fatto di non aver mai utilizzato scarpe/sandali neanche le infradito. La sensazione di libertà che mi da il fatto di camminare a piedi nudi è pazzesca!

Il cibo del ristorante è buono. Non ho avuto nessun problema, nonostante i limiti legati alla mia malattia all’intestino che non mi permette di mangiare cibo contenente spezie. Se devo fare due piccole critiche al cibo sono relative alla frutta (solo ananas, cocco, banane e papaya) e al pesce (mai un crostaceo). Il Bar offriva un buon servizio, soprattutto ai 4 tavolini sulla spiaggia…i nostri preferiti.

La wi-fi lentissssssima tanto da far passare la voglia…

E che dire della spiaggia attorno all’isola? E’ da togliere il fiato, nonostante i già citati muretti antierosione che soprattutto nei primi giorni mi urtavano la vista!

L’isola è piccolissima, misura circa 270×80 metri, offre 60 camere tra beach e overwater bungalow e la struttura è immersa nel verde.

Il Resort ha due ristoranti uno incluso nell’all-inclusive e uno riservato per la colazione a chi soggiorna negli overwater e per cene a pagamento alla carta. La colazione dal ristorante “vip” è veramente piacevole!

C’è un piccolo diving che offre escursioni e attività che sia aggiungono alle poche di Francorosso. Inoltre c’è la possibilità di fare qualche attività (kayak, SUP, beach volley, acquagym…).

Barriera corallina e pesci

Purtroppo nel 2016, il surriscaldamento globale e il forte effetto di El Niño hanno portato a un’alta temperatura della superficie del mare che ha causato la decolorazione di quasi il 60 percento delle spettacolari barriere delle Maldive e ampie fasce delle barriere delle Maldive vennero eliminate. Tuttavia, in questi anni gli scienziati hanno registrato segnali di ripresa: molti coralli neonati e una varietà di specie che stanno ripopolando zone in cui si pensava fossero estinti. E infatti rispetto al 2019, abbiamo visto qualche colore in più.

L’isola è ricchissima di pesci, perché appena fuori dal pontile c’è un canale che collega l’Oceano con l’Atollo di Felidhoo. Abbiamo visto quasi tutto: aquile di mare, mobule, squali nutrice, pinna nera e pinna bianca, tartarughe e delfini… Ma non abbiamo visto quello che tanto sognavamo: le mante… Vorrà dire che ci riproveremo un’altra volta.

Un’altra delusione, dopo le mante, l’ho avuta da alba e tramonto. Qualcosa di bellino si è visto ma nulla da dire “Whooooo”, nonostante la mia sveglia fosse puntata almeno una mezz’ora prima del sorgere del sole.

Escursioni

Abbiamo partecipato a una sola escursione di una giornata intera che includeva 3 soste. Secondo me la snorkelata più bella è stata quella al relitto Vaavu Shipwreck.

Una nave che si è incagliata nella sabbia nel mezzo di una laguna e che parzialmente emerge. Non so quanto resisterà ancora vista l’ignoranza della gente che ci attracca con la barca e ci sale sopra… L’escursione non è particolarmente economica (€ 170 tasse incluse in due).

Abbiamo fatto anche una brevissima escursione alla lingua di sabbia in moto d’acqua (€ 100 tasse incluse in due). Una mezz’ora spettacolare! La laguna è da togliere il fiato!

Staff e animazione

Mi sento di fare i complimenti al Signor Paolo, Direttore del Seaclub Dhiggiri, sempre presente e disponibile per una chiacchierata con gli ospiti! Ringrazio per la professionalità Cinzia, la referente Francorosso sull’isola, e tutti i ragazzi dell’animazione: “il capo” Massi, la Biologa Sofia, “the voice” Sefi, “Capitan Jack Sparrow” Gio e la super sportiva e biondissima Erika. Mi sento di fare i complimenti all’animazione in toto perché credo non sia facile capire quale sia il limite da non superare in contesti come quelli. Infatti, il rischio di passare dall’essere simpatico e propositivo a invadente e spiacevole è grosso.

Abbiamo trascorso 7 giorni di puro relax in un paradiso. Stavamo talmente bene che le giornate letteralmente volavano tra una camminata e una snorkelata, una birretta in spiaggia e una chiacchiera con le coppie conosciute. Ovviamente non sono mancate le foto!!! Posso tranquillamente dire che siamo stati divinamente e che altri 3 giorni ce li saremmo goduti… Alla faccia di chi dice che alle Maldive ci si annoia!

RED PARTY BY FRANCOROSSO

Ringrazio per la piacevole compagnia Katia e Nicola, Ernesta e Fabio. E, secondo voi, potevamo non trovare in un’isola così piccola una persona che conoscevamo nell’ambito della pallavolo/beach volley? Purtroppo “il riconoscimento” è stato fatto solo l’ultimo giorno… Quindi saluto anche Luciano e Serena!

Termino questo diario con una preghiera indirizzata a tutti voi.

Viaggiate in modo responsabile!!! Noi abbiamo riportato a casa tutti i CONTENITORI VUOTI DI PLASTICA di creme, shampoo, balsamo… Abbiamo apprezzato il fatto che la struttura abbia limitato molto la plastica monouso. Altro appunto: NON TOCCATE CORALLI E PESCI E NON DATEGLI DA MANGIARE! Se volete continuare a GODERE di quel PARADISO, DOVETE RISPETTARLO! Purtroppo abbiamo visto turisti (per lo più non italiani e non europei e chi viaggia sa a quali popolazioni mi riferisco) senza una minima conoscenza dei danni che semplici e inutili gesti dell’uomo possono causare ad un ecosistema così fragile! Nel 2022 l’ignoranza in tema ambientale non è più accettabile! Noi abbiamo provato a fare da “moralizzatori” con la famiglia che alloggiava di fianco a noi con scarsissimi risultati!

Durante la nostra permanenza abbiamo assistito anche a un matrimonio che ha fatto emozionare tutta l’isola!

Pubblicato da seca75

Un viaggio inizia molti mesi prima di partire, esattamente quando, tra le varie opzioni, mi convinco che QUELLA sarà la mia prossima meta e me ne innamoro così intensamente da ritenere che sarà la più bella. Difficilmente un viaggio mi delude, quasi sempre invece mi fa provare emozioni inaspettate! Il più bel viaggio, è quello che non è stato ancora fatto. Loick Peyron

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: